Notizie Flash

Come la dieta influenza il cervello (zucchero e obesità)

Quale relazione esiste tra la dieta e il cervello? Studi recenti in neurologia dimostrano una relazione tra l'obesità e i disturbi del cervello; l'importanza della dieta nelle fasi della crescita.

di Davide Amerio.

Siamo in qualche modo tutti testimoni degli effetti del cibo sul nostro . Dall’ansia di mangiare sempre più zuccheri, oppure dalla vista annebbiata dalla fame. Ciò che mangiamo influisce su di noi sul lungo periodo, a iniziare dal grembo materno, non solo sul lato estetico formando il nostro corpo ma anche sul nostro .

Diete povere di varietà possono portare a una serie di problemi medici: , malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di cancro. La influenza anche il cervello e può aumentare il rischio di disturbi mentali e malattie neuro degenerative. I ricercatori stanno scoprendo i dettagli di come i cibi che consumiamo influenzano le nostre voglie, i nostri stati d’animo, e anche i nostri ricordi.

Come è la madre, così è il suo bambino. La preferenza del cibo si sviluppa nel grembo materno. Gli studi dimostrano che se le mamme bevono succo di carota durante la gravidanza, i neonati saranno più propensi a preferire il sapore delle carote. Per vedere se questo vale per gli alimenti meno sani e per sondare quello che accade nel cervello, i ricercatori hanno compiuto studi sulle scimmie.

Se durante la gravidanza le madri (scimmia) hanno mangiato sia cibi sani o cibi ad alto contenuto di grasso, la loro prole, in età equivalente ai bambini umani, sono propensi a consumare una dieta sana, nel primo caso, oppure una dieta di cibi “spazzatura” ad alto contenuto di grassi. Per capire come la dieta prenatale ha cambiato il loro cervello scolpendo in modo permanente le loro preferenze alimentari, i ricercatori hanno esaminato i marcatori di Dopamnina nel cervello. La Dopamina è un neurotrasmettitore importante per gestire la ricompensa e la motivazione, che sono alla base dei meccanismi con cui il cervello compie delle scelte.

Quando si mangia un cibo preferito, i livelli di dopamina aumentano, creando quella sensazione di piacere sperimentato da amanti del cioccolato in tutto il mondo. (Un aumento simile accade con sostanze stupefacenti). Mangiare troppo di un cibo preferito però provoca una diminuzione degli effetti della Dopamina, nel cervello il segnale diventa più debole. Quindi, improvvisamente, è necessario aumentare la “dose” (cioccolato o cocaina) per ottenere lo stesso effetto della Dopamina.

L’esperimento condotto sulle scimmie ha dimostrato che una dieta prenatale ricca di grasso ha prodotto una diminuzione del numero di fibre della Dopamina e una diminuzione dei recettori. Questo spiega perché aumenta il bisogno di zuccheri e cibi grassi; il cervello viene abituato sin dalle prime fasi di sviluppo a desiderare più cibo “spazzatura”. Heidi Rivera, un ricercatore presso l’Oregon Nazionale Primate Research Center, sottolinea la somiglianza della dieta delle mamme scimmia con la dieta di tipo occidentale. I risultati suggeriscono una migliore comprensione dell’impennata dei tassi di obesità nell’infanzia negli Stati Uniti.

Lo studio di Rivera mostra ciò che si mangia durante lo sviluppo influisce su ciò che si desidera mangiare più tardi nella vita, ma Constance Harrell alla Emory University si domanda, “Può ciò che si mangia influenzare come ci si sente?”

I dati di uno studio del 2008 hanno rivelato che gli adolescenti consumano più bevande zuccherate (soda, bevande sportive, bevande energetiche, e simili) rispetto alle persone in altre fasce di età. – in particolare sotto forma di sciroppo di fruttosio, che è ormai onnipresente in tutto, dalla soda e condimenti per insalata di yogurt e pane – che può aumentare i livelli di ormoni dello stress nel cervello. Poiché l’ è un momento cruciale per lo sviluppo del cervello, il consumo elevato di zucchero e il conseguente aumento di ormoni dello stress durante questo periodo può innescare problemi di salute mentale, come l’ansia e la depressione.

Per vedere se mangiare diete ricche di zucchero influisce sulla salute mentale, Harrell ha sperimentato sui ratti adolescenti l’effetto delle diete: su un gruppo quella tipica dei roditori sani e in un altro una dieta ricca di fruttosio. Rispetto ai ratti sani, i topi che mangiavano più zucchero avevano più alti livelli di ormoni dello stress. Successivamente, i ricercatori hanno testato se i ratti nutriti di zucchero erano più ansiosi o depressi.

In effetti, quando viene messo in un labirinto con due tipi di situazioni – aperta ed esposta o chiusa e sicura – i ratti nutriti con il fruttosio trascorrono più tempo nelle zone chiuse e sicure; segno di maggiore ansia. Quando è costretto a fare il bagno, in una vasca di acqua – cosa che i ratti non particolarmente amano – i ratti nutriti con fruttosio hanno rinunciato prima, fatto indicativo di depressione. Altri studi su ratti adolescenti hanno evidenziato che le diete zuccherate portano ad alterazioni della memoria.

“Penso che sia importante riconoscere che ci sono potenziali impatti di una dieta ad alto contenuto di fruttosio non solo sul metabolismo, ma anche sulla mente”, afferma Harrell.

È interessante notare che, i ratti adulti non hanno subito le stesse conseguenze di un sovraccarico di zucchero, negli studi di Harrell. Il cervello dell’adolescente in via di sviluppo sembra essere particolarmente vulnerabile a un elevato consumo di zucchero. Tuttavia, la dieta in generale – in particolare il suo effetto sul peso – continua a influenzare il cervello in età avanzata.

Per esempio, alcuni studi hanno trovato un legame tra peso corporeo e le dimensioni dell’, un’area del cervello importante per l’apprendimento e la memoria. Ricercatori in Australia hanno studiato questo collegamento negli adulti misurando la dimensione dell’ e confrontandola con l’indice di massa corporea della persona (BMI), un rapporto di peso altezza che viene utilizzato per determinare se qualcuno è in sovrappeso.

Hanno scoperto che, nelle persone sessantenni, quelli che erano in sovrappeso o obesi (ovvero con il più alto BMI) avevano un ippocampo più piccolo rispetto alle persone di peso normale. Inoltre, nel corso di otto anni, l’ippocampo di tutti si è ridotto, ma nei soggetti in sovrappeso sono evidenti maggiore riduzioni. L’ippocampo normalmente si riduce con l’età, ma si restringe in misura maggiore nella demenza, che porta a problemi di memoria. Altre ricerche negli esseri umani suggeriscono che le persone obese hanno un punteggio più basso su test della memoria, ma la perdita di peso attraverso la chirurgia può migliorare i punteggi.

Studi nei topi offrono alcuni indizi circa la connessione tra l’obesità e l’ippocampo. I topi obesi hanno livelli elevati di infiammazione nel cervello, compreso nell’ippocampo, causato dal rilascio di una molecola dalle cellule grasse. Questi topi hanno eseguito male il test di memoria; il che suggerisce che l’infiammazione cronica logora il cervello, conducendo a problemi di memoria.

I nostri cervelli sono scolpiti da ciò che mangiamo. Se è troppo grasso, troppo ricco di zucchero, o semplicemente “troppo”, ci possono essere conseguenze permanenti per la nostra funzione cerebrale. Mantenere il nostro cervello in forma è un motivo in più per migliorare le nostre diete.

[Tratto da “Let’s Eat: How Diet Influences the Brain” di Teal Burrell per www.brainfacts.org]