Notizie Flash

I libri di Bianca Guidetti Serra a Meana di Susa

Firmata la donazione della biblioteca di Bianca alla Biblioteca popolare "Il Gallo Sebastiano" di Meana di Susa. Centinaia di volumi saranno messi a disposizione del pubblico

Ieri, 29 Marzo, è stata firmata a la donazione della biblioteca di Bianca all’associazione culturale “Il ”.

Nella sede della omonima Biblioteca popolare, si sono ritrovati il figlio Fabrizio Salmoni con la famiglia e Emanuela Tomassone, presidente dell’associazione, con alcuni degli iscritti che sostengono la gestione delle tante iniziative della biblioteca di via Mattie 4.

La scelta di donare le centinaia di volumi a “Il Gallo Sebastiano” è stata dettata dalla speciale vicinanza di Bianca con la città di Meana, da lei frequentata nei mesi della Resistenza, e con a cui, come è noto, Bianca fu legata da grande stima e amicizia. Poco sopra Meana c’era la baita che fungeva da base per la banda partigiana che includeva la famiglia Gobetti-Marchesini e la famiglia Salmoni e che operava tra la Val Susa e la Val Chisone (v. Diario Partigiano, ed. Einaudi). A Meana rimane traccia della presenza di Ada e di Benedetto Croce nelle rispettive case segnate da targhe-ricordo.

I volumi oggetto di donazione riguardano gli argomenti e i settori più disparati: storia, storia locale, resistenza e antifascismo, movimento operaio, questione femminile, letteratura internazionale. Verranno ospitati per la consultazione in un apposito locale dedicato della Biblioteca in attesa e con l’auspicio che l’amministrazione comunale voglia offrire locali più ampi e funzionali ad un utilizzo esteso della struttura.

La Biblioteca si è impegnata a catalogare la donazione e a metterla a disposizione pubblica e gratuita nel più breve tempo possibile. Si prevede circa un anno di questo lavoro preliminare.

L’associazione annuncia comunicazioni in merito nella serata del prossimo 24 Aprile  in occasione della presentazione di un suo programma di eventi.

Si ricorda che l’archivio giudiziario di Bianca era a suo tempo da lei stato donato al Centro Studi Piero Gobetti di Torino (via Fabro 6) dove probabilmente sarà sistemato anche l’archivio personale composto di una grande quantità di lettere, documenti, fotografie, materiali audio e video. L’insieme costituirà il principale fondo archivistico per studiare e ricordare la vita e l’attività di Bianca.

(F.S. 30.3.2015)