Notizie Flash

Le morti non sono tutte uguali

Pubblichiamo un post di Ignazio Corrao(*) scritto sulla sua pagina di FB che ci pare molto significativo e condivisibile in questo momento.

Pubblichiamo un post di Ignazio Corrao(*) scritto sulla sua pagina di FB che ci pare molto significativo e condivisibile in questo momento in cui, ancora una volta, si creano odiosi differenze tra le a causa delle guerre da parte della politica.

Premetto che con questo post non voglio fare polemiche sterili e porgo le mie sentite condoglianze alla famiglia di Valeria Solesin. Ma devo invitarvi a riflettere sui due pesi e le due misure adottati dai media e dalle istituzioni italiane davanti a due vittime con lo stesso passaporto.

Il ragazzo in questione è Giovanni (detto Giancarlo) Lo Porto mentre la ragazza è Valeria Solesin. Li vedete entrambi nella foto sorridenti…

L’uno cooperante, l’altra studentessa. L’uno vittima della follia bellica in un raid americano in Pakistan, dove era andato ad aiutare gli ultimi, l’altra vittima della follia terroristica dell’, mentre trascorreva una normale serata come tutti i ragazzi della sua età.

Una cosa li accomuna senza alcun dubbio, lo Stato di appartenenza. Uno Stato indifferente e a volte colpevole. Giancarlo Lo Porto da una parte, Valeria Solesin dall’altra.

Entrambi sono rientrati in Italia dentro una bara, entrambi funerali civili/laici, entrambi vittime italiane, entrambi ragazzi pieni di voglia di vivere, entrambi intelligenti, entrambi contro la .

Giancarlo è stato “accidentalmente” ucciso da un drone americano lungo il confine tra Afghanistan e Pakistan, mentre era ostaggio. Obama si scusa pubblicamente. Renzi (come sempre) non fiata e non si fa vedere, i media praticamente non ne parlano, niente commozioni, indignazioni ed approfondimenti.
Ad oggi non si è ancora fatta chiarezza sulle responsabilità del americano e di quello italiano. A nessuno sembra interessare…

Valeria sfortunatamente è andata ad un concerto con degli amici a Parigi e ne è uscita morta. Colpita da armi in mano a pazzi fondamentalisti islamici.

Ai funerali di Giancarlo non c’era Renzi, né il palermitano Mattarella (domani viene qui a Strasburgo, proverò a dirglielo), non c’era un solo esponente del governo, neanche regionale. Nessuno. Solo il Sindaco di Palermo.
Per la morte di Giancarlo Lo Porto non c’è stata una mobilitazione della stampa, niente servizi strappalacrime in TV per una settimana, racconti di quando era piccolo e delle tantissime esperienze di , nessuna sete di giustizia ed emotività popolare. Niente, una battuta di agenzia e buona notte a tutti, meglio non fare arrabbiare lo zio Sam.
Eppure Lo Porto aveva davvero un profilo da riempirci in palinsesti televisivi per settimane, un ragazzo della umile Palermo con un profilo eccezionale (vi prego di informarvi sulla sua biografia) che aveva dedicato tutta la sua vita e professionalità ad aiutare gli altri e che il cooperante lo faceva di mestiere e nei posti più difficili del pianeta…

La mobilitazione mediatica che c’è stata per la morte e per i funerali di Valeria l’avete vista tutti… E non mi dispiace affatto che ci sia stata, quel che mi dispiace è vedere come sia normale accettare i due pesi e due misure…

Vittime uguali ma diverse. Vittime di diverso livello.
Perché il popolo deve indignarsi e commuoversi se si muore per dei folli terroristi ma è meglio non parlarne troppo se si muore di fuoco “amico”.
Se i civili li ammazza la NATO non sembrano essere lo stesso tipo di civili, sembrano valer meno…

Giancarlo non meritava il silenzio desolante di questo Governo. Giancarlo meritava attenzione, voglia di giustizia e di approfondimento e lo merita ancora… Così come forte è rimasta la voglia di verità della famiglia, degli amici e di chi crede che la guerra non sia mai una soluzione. E sono certo che Valeria avrebbe condiviso questo concetto…

Vorrei che oggi ogni politico e ogni cittadino, soprattutto quelli che nei social network si armano e incitano alla guerra, si fermassero a riflettere.
Pensate a fondo se è giusto che una vittima civile sia considerata di livello diverso. Pensateci se è stato giusto il comportamento delle autorità e dei media italiani…
Pensiamoci e pretendiamo giustizia, verità e soprattutto equità…

(*) di Ignazio Corrao Europarlamentare M5S (tratto da FB)