Notizie Flash

Meana accoglie lo smarino del TAV

Con lo smarino, il comune da sempre ambiguo di fronte all’opera, ora si schiera apertamente in cerca di qualche “compensazione”.

Smarino: il comune di Meana ha dichiarato in conferenza di servizi la disponibilità a riempire di smarino l’ex

E’ ufficiale: il comune di Meana desidera ricevere lo smarino del tav  per “rinaturalizzare” (tradotto dalla neolingua: fare una discarica) le cave del territorio. Il comune da sempre ambiguo di fronte all’opera ora si schiera apertamente, in cerca di qualche “compensazione”. Ma non ci sono compensazioni possibili alla distruzione del territorio…

La decisione, tenuto nascosta prima della dichiarazione direttamente al governo, e a Telt, sembra bilanciare le delibere negative fatte a Caprie e a Torrazza. Ma le cave di Meana non saranno comunque sufficienti ad accogliere tutto il materiale. Sarebbero però sufficienti ad accogliere il materiale dissequestrato a Salbertrand, che cerca collocazione. Una volta rimosso, farebbe spazio ai capannoni di processamento del materiale.

A descrivere il quadro Monica, consigliera a Giaglione e rappresentante all’unione montana dei comuni:

da Radio No Tav “senti la lotta”