Notizie Flash

TAV nuova variante impatto ambientale invariato

COMUNICATO STAMPA

Affermare che la variante approvata dalla Regione Piemonte sarà meno impattante rispetto al precedente progetto è una presa in giro nei confronti dei cittadini. Il cantiere continuerà ad essere un fortino militarizzato, i soldi pubblici continueranno ad essere sperperati per un’opera inutile ed è del tutto sbagliato affermare che ci saranno minori ripercussioni sull’ambiente. Pensiamo ad esempio al trasporto di smarino che avverrà su gomma dal cantiere di Chiomonte al sito di Salbertrand con conseguente aumento di polveri che finiranno dritte nei polmoni dei residenti della zona.

Ancora da chiarire quali mezzi saranno utilizzati. Il Collegio Costruttori Edili infatti, in sede di Osservatorio, ha già fatto presente le difficoltà per adeguare il parco mezzi ad Euro 6 nonostante le precise prescrizioni in merito. Vigileremo con attenzione affinché nelle gare di appalto, se mai verranno realizzate, vengano rigorosamente rispettate le prescrizioni che prevedono l’utilizzo di mezzi con moderni standard ecologici. Il rischio concreto è che i Valsusini oltre ai veleni del cantiere respirino anche quelli di vecchi camion obsoleti.

Francesca Frediani, Capogruppo regionale M5S Piemonte