Notizie Flash

Iniziato lo sgombero della ZAD di Notre Dames Des Landes

I bulldozer sono arrivati ​​nella Zad. I cittadini insorgono e resistono

Sgombero. È partita l’operazione di evacuazione. Alle 3 del mattino, lunedì 9 aprile, molti gli zadisti, i gendarmi in massa si fanno largo con granata assordanti e gas lacrimogeni. Sono entrati dai due incroci della strada D281 alle due estremità.

Le forze dell’ordine hanno iniziato la loro operazione per evacuare parte della “zona da difendere” () (Loire-Atlantique). Nella notte, la “sta svolgendo una missione di polizia”, ha detto il ministero degli interni Gérard Collomb in una dichiarazione. Lo “sgombero” è iniziato alle 6 del mattino, secondo Place Beauvau, che assicura è rivolto solo agli “occupanti più radicali”.

Metteremo fine alla zona senza ordine

La dichiarazione del primo ministro nel comunicato stampa del ministero dell’interno: “metteremo fine alla zona senza ordine”. Di seguito il comunicato stampa

Conformément aux principes annoncés par le Premier ministre le 17 janvier dernier, il s’agit de mettre fin à la zone de non droit. Les occupants illégaux avaient été invités à partir d’eux-mêmes d’ici la fin de la trêve hivernale. Certains ont accepté le dialogue avec la préfète, portent un projet agricole dans la légalité et régularisent leur situation : ils ont alors le soutien du gouvernement. L’opération débutée ce matin vient mettre à exécution des décisions de justice pour procéder à l’expulsion des occupants les plus radicaux.

Communiqué de Presse du Ministre d’Etat Ministre de l’Intérieur 090418

2.500 soldati mobilitati

L’operazione sta mobilitando venticinque squadroni di gendarmeria antisommossa per un periodo di diversi giorni, cioè circa 2.500 uomini. L’operazione ha in programma di espellere tutti coloro che non hanno regolarizzato la propria situazione, ad esempio dichiarando nuovi progetti agricoli individuali.

“Tutti quelli che non si iscrivono nel quadro della legalità dovranno lasciare rapidamente le zone occupate”, ha ripetuto domenica il primo ministro, Edouard Philippe, in un’intervista al parigino. La stima del numero di abitanti evacuabili varia tra 100 e 200 persone.

Il corrispondente di Le Monde Remi Barroux conferma che “l’intervento dei gendarmi antisommossa è iniziato” verso le 3 del mattino, seguito da una “nuvola di lacrimogeni”. I soldati hanno prima distrutto le barricate su RD281, che attraversa la ZAD da cima in fondo, e si sono portati verso le zone occupate.

Resistiamo e non ci muoviamo e resteremo qui

“Per il momento, non siamo espulsi. Resistiamo e non ci muoviamo e resteremo qui. I gendarmi antisommossa si stanno attualmente posizionando. Gli arresti non sono confermati “, commenta il gruppo stampa ZAD. In precedenza, gli zadisti annunciavano “diversi arresti”. Falso, risponde lo stato. “Confermo che in questa fase non ci sono arresti”, ha detto il prefetto Nicole Klein alle 5 del mattino.

La successione in cronaca dello sgombero:

Ore 3 del mattino. I gendarmi antisommossa, in massa, investono la famosa strada delle chicane ai suoi due estremi: il Paquelais e il crocevia di Ardillères. All’incrocio delle Ardillères, una gendarmeria corazzata (carri armati modello esercito) seguita da decine di furgoni entrano dagli incroci della strada. Direzione l’area occupata. Una colonna impressionante di gendarmi si snoda nella ZAD.

Gli zadistes di notte, lanciano l’allarme tramite i social network. L’operazione di espulsione è iniziata. Si è infiammata una barricata di pneumatici.

Le urla si sentono nella notte e le granate assordanti e i gas lacrimogeno vengono sparate per far strada ai gendarmi. Gli edifici non sono ancora stati smantellati. “Questa è un’operazione di ordine pubblico”, annuncia la prefettura. I giornalisti non possono entrare nella zona delimitata dalla polizia.

V.R. 9.4.18