Notizie Flash

La storia di Piera Aiello finita in Parlamento lottando contro la mafia

Mafia: la storia di una donna coraggiosa, testimone dell'uccisione di suo marito. Ora è diventata parlamentare per il M5S, e continua la sua battaglia a viso scoperto.

da Ilblogdellestelle.it

Di seguito la traduzione del servizio che il Guardian ha dedicato a , parlamentare del MoVimento 5 Stelle che da anni vive sotto scorta perché minacciata dalla e che ora, finalmente, scopre il suo volto.

La “politica fantasma” italiana, che è stata costretta ad andare a lavoro in modo anonimo a causa di minacce della mafia, ha finalmente rivelato il suo volto al pubblico dopo aver ottenuto il suo seggio parlamentare.

“Dopo tutti questi anni passati dietro le quinte, oggi posso finalmente guardare il mondo in faccia senza temere di mostrare il mio”, Piera Aiello, 51 anni, ha detto al Guardian, mentre posa per le foto per la prima volta dal 1993.

È come tornare alla vita“, ha detto, sorridendo all’obiettivo della telecamera. “In questo preciso momento, mi sento completamente libera”.

La vita di Aiello è stata in pericolo da quando ha visto due sicari della mafia uccidere suo marito nel 1991, costringendola a entrare nella “protezione dei testimoni” due anni dopo. A marzo, si è presentata come candidata anti-mafia per il Movimento 5 Stelle in  e ha ottenuto il suo seggio nonostante abbia dovuto fare campagne anonime e sotto scorta di sicurezza. Come testimone antimafia, Aiello non poteva mostrare il suo volto in pubblico, non poteva essere fotografata o tenere liberamente eventi di campagna nelle piazze. Portava spesso un velo per coprirsi il volto, tanto da farla divenire nota come “la candidata senza volto”.

Aiello è nata a Partanna, nella Sicilia occidentale. All’età di 14 anni, fu costretta a sposare il figlio del boss siciliano della mafia Vito Atria. Nel 1991 un clan della mafia rivale decise di uccidere suo marito. “Avevamo una pizzeria”, dice Aiello. “Una sera, due uomini entrarono nella stanza. Hanno guardato mio marito e hanno sparato. È caduto davanti a me, coperto di sangue”.

Dopo aver deciso di testimoniare contro gli assalitori, è diventata una testimone di giustizia, con la sua testimonianza sono stati arrestati diversi mafiosi. Ma mentre altri mafiosi sono rimasti liberi, Aiello riferisce di essere stata costretta a vivere come un prigioniero mentre era sotto protezione per i testimoni. Dovette cambiare nome e lasciare la Sicilia. L’anno scorso, ha deciso di riprendere il controllo della sua vita e candidarsi alle elezioni come candidato per il movimento anti-establishment . “Avevo un obiettivo: portare in le drammatiche condizioni in cui sono costretti a vivere coloro che decidono di testimoniare contro la mafia”, dice.

Nonostante le operazioni di polizia giudiziaria siano riuscite a limitare l’influenza di Cosa Nostra in Sicilia e della Camorra a Napoli, la criminalità organizzata rimane un problema serio in Italia e all’estero. Si ritiene che la mafia calabrese, nota come la ‘Ndrangheta, sia il principale trafficante di cocaina in Europa. Come membro del parlamento, Aiello ha detto che era diventato troppo complicato per lei dover evitare fotografi e obiettivi a Roma e ora si sentiva pronta a mostrare il suo volto in pubblico.

Ma lei continuerà a vivere sotto scorta della polizia. È ancora considerata come un obiettivo della mafia, specialmente da quando è diventata un’importante attivista anti-mafia in parlamento, incoraggiando i testimoni a parlare apertamente. Mercoledì, Piera è tornata in Sicilia per incontrare altri testimoni che si sono ribellati alla mafia, che vivono ancora nella paura. Uno era Alessandro Marsicano, 48 anni, pasticcere di Palermo e vittima dell’estorsione della mafia. Da quando è diventato un informatore, la sua testimonianza ha portato ad arresti, ma ha detto che la sua vita è diventata un incubo.

Avevo deciso di lasciare la Sicilia e trasferirmi a Londra, dove ho aperto una pasticceria vicino a Soho”, dice. “Ma i capi mi hanno raggiunto anche lì, e una sera mi hanno picchiato nelle strade di Tottenham. Da quando ho incontrato Piera, posso vedere un futuro più luminoso per la mia famiglia”. Molti testimoni di giustizia hanno festeggiato la sua vittoria in parlamento, e alcuni hanno persino chiesto che venisse nominata vice ministro dell’interno nel nuovo governo di coalizione in Italia. “Ho deciso di resistere in modo che quelli che si ribellano alla mafia non siano emarginati”, ha detto. “Ho deciso di diventare un candidato perché io, Piera Aiello, volevo tornare a riavere indietro il mio volto. E l’ho capito”.