Notizie Flash

A fermare il Tav ci penseremo noi!

di (dal suo profilo FB).
Ci sembra opportuno, in questo momento, riportare una acuta, sintetica, e precisa sintesi del prof Massimo Zucchetti sulla questione /M5S, che condividiamo pienamente. 

Ho promesso a me stesso di non insultare nessuno, per questa vigliaccata. Che riassumo a beneficio di inventario.

1) Prima si fanno eleggere promettendo che sarà la prima cosa che faranno. Ma prima bisogna rifare l’analisi costi-benefici, perchè 25 anni di studi e ricerche (un decimilionesimo, anche fatte aggratis dal sottoscritto) non bastano. E va bene, daje, famola, almeno mettete a tacere quei fasci con cui state al governo.

2) Poi la tirano in lungo con l’analisi costi-benefici (mesi e mesi, e nessuno sa niente, tipo verdetto dell’aruspice). Sa un po’ di commedia dell’assurdo, ma va beh, daje, facciamo pure finta che sia un problema serio.

3) Poi l’analisi costi-benefici esce, inequivocabile. Basterebbe un decreto-legge, subito, poi su come chiudere si discute: sarebbe tutto finito. Ma nulla.

4) Poi lasciano tutti i vari boiardi piddini al loro posto, anche da scaduti. Anche qui, applicando il pull-out, basterebbe un decreto di nomina di quel tizietto che fa il ministro delle infrastrutture. Ma nulla.

5) Poi lasciano gettare la maschera a Salvini, mai uno che gli dica: guarda che hai sottoscritto un patto di governo, non fate i furbi, tieni a bada gli scagnozzi e tu stai muto, se no saltano tutte le altre minchiate che volete approvare. Tutti zitti.

6) Il tempo passa. Francia e Unione Europea capiscono che il governo italiano è debole, che al contrario di quanto stabilito c’è trippa per gatti. E rilanciano, mica sono scemi ed hanno i loro clientes e i loro bravi interessi. Promettono soldi. Ricattano minacciando sfracelli con procedure di infrazione, loro fanno fare a Salvini la voce grossa e poi strisciando e tagliando su scuole e servizi ottengono una tregua.

7) Infine, Conte, Salvini e Di Maio si parlano. Mettono a punto la scemeggiata.

8 ) Poi, Di Maio viene a Torino e con frasi ambigue cerca di portare per i vicoli i tontinelli della base che ancora gli credono: in pratica, inizia a umettare e preparare l’arrivo del suppostone.

9) Poi, Conte diventa improvvisamente a parole, ma per colpa del PD e dei tanti soldi che gli promettono, dice che il TAV va “completato” (si noti: avanzamento attuale dei lavori per il tunnel di base: ZERO, DICESI 0, per cento). Solo “il Parlamento” mi può fermare. 

10) I militanti cinquestelle diventano tutti come Scajola: pretendono che questa manovrina sia stata fatta per iniziativa di Conte, noi cinquestelle siamo notav, che cosa c’entriamo? Di sicuro, Conte e giggino non si sono parlati, prima. Cierto.

11) Altri cinquestelle, senza vergogna, dicono: è la DEMOCRAZIA, deciderà il Parlamento! Che è al 70% di SITAV dichiarati. Ma noi cinquestelle siamo NOTAV e voteremo contro! Siamo al governo, ma per quella volta lì passiamo all’opposizione, così abbiamo la coscienza tranquilla. Il giorno dopo, torniamo al governo, eh: continuiamo con le belle cosette che abbiamo approvato in questo primo anno da schifo ai porci.

12) Infine, su una questione *fondante* per il loro programma di governo, nessuno che dice: porremo la fiducia, voto palese, e se andremo in minoranza SALTA IL GOVERNO. E magari si va ad elezioni. Beh no, questo mai: chi li voterebbe una seconda volta? Dovrebbero tornare a casa a fare quello che facevano prima (e stendiamo un velo pietoso su quali grandi personalità siano state elette nelle loro fila).

Ho promesso di non inveire e di non insultare nessuno, perchè mi sembrerebbe di picchiare dei bambini scemi.
Fate pure tutte le figure di merda che volete, dimostratevi inutili quali siete, tradite pure la fiducia e le aspettative di chi vi ha votato. Niente eravate, e niente ritornerete, alla fine di questa legislatura, non avrete più nessuna poltrona o seggio cui aggrapparvi.
Nel frattempo, come negli scorsi 30 anni, a fermare il TAV ci penseremo noi. Noi del NOTAV.
Per voi: damnatio memoriae. (guardate su google, nella versione semplificata, e troverete cosa vuol dire).

Massimo Zucchetti FB – 24.07.19