Notizie Flash

Bure. Mobilitazione contro Cigéo lavorare nella foresta di Mandres

Secondo la decisione della corte "questa ristrutturazione dei luoghi deve essere intesa come un ritorno dello stato boschivo eliminato

ANDRA viene condannato dal Tribunale di Bar-le-Duc! Il lavoro di Cigéo è fermo!

Una chiamata graffiante e storica per ANDRA, dopo due mesi di mobilitazione sul terreno

L’alta corte di Bar-le-Duc ha appena dato ragione alle otto associazioni e quattro abitanti di Mandres-en-Barrois. Con provvedimenti provvisori, depositati il 25 luglio, chiedevano la cessazione del lavoro da parte dell’Agenzia gestione dei rifiuti radioattivi (ANDRA) nel Bois Lejuc, a Cigéo costruzioni, centro di stoccaggio e progetto in profondità dei rifiuti radioattivi più pericolosi. Queste opere sono illegali! ANDRA deve sospendere il suo lavoro e gli hanno ordinato di ripristinare le condizioni del sito.

bure4

Ricordiamo che 7 ettari di legno sono stati distrutti, tra cui querce quasi secolari, la terra è stata strappata e coperta di ghiaia e la costruzione di un muro alto 2 metri e lunga 3 km era iniziata senza che ANDRA avesse i permessi necessari dalle autorità e non aveva nemmeno preso in considerazione che una valutazione di impatto può essere richiesta!

bois_lejuc_andra-87713

All’udienza, che si è tenuta Giovedi 28 luglio ANDRA è stato superato in malafede e contraddizioni: pur riconoscendo lo svolgere di questo lavoro in vista della costruzione di Cigéo, ha affermato di fare quel lavoro per la gestione sostenibile delle risorse forestali in legno Lejuc! Inoltre, è accaduto durante l’udienza, Andra tira fuori un coniglio patetico dal suo cappello, un decreto comunale della stessa data, a firma del Sindaco di Mandres-en-Barrois e che autorizza la costruzione del muro illegale iniziato da diverse settimane!

Consegnato il 1 ° agosto alle ore 14, le deliberazioni del tribunale sono categoriche: ordina la sospensione e la compensazione a ANDRA prima di ottenere un’autorizzazione (pena provvisorio di 10.000 ). Egli ha ordinato lo stesso la riabilitazione dei luoghi distrutti senza autorizzazione ottenuta da ANDRA, entro 6 mesi.

Secondo la decisione della corte “questa ristrutturazione dei luoghi deve essere intesa come un ritorno dello stato boschivo eliminato, che richiede la rimozione del tessuto filtrante, per massicciate e muri di recinzione concreto – in considerazione dell’importanza della sua presa – e reimpianto in conformità con il piano di gestione forestale del legno Lejuc dal Consiglio forestale nazionale per 2007-2018 “.

bure5

Lavoro nero, mercenario ingaggiato per “proteggere” il muro: le manovre e le manipolazioni Andra per imporre Cigéo sono ora esposti alla luce. Questa decisione segna anche la validità e la legittimità della mobilitazione di diverse centinaia di persone e residenti che si opponevano per diverse settimane nel lavoro della ANDRA.

Associazioni, i residenti e l’opposizione es Cigéo per accogliere questa storica decisione della corte e non intendono fermarsi qui. Altri rimedi e le azioni sono in corso per rendere finalmente il legno Lejuc gli abitanti di Mandres-en-Barrois e dare una battuta d’arresto al progetto di Cigéo. Un nuovo punto culminante della manifestazione è in programma dal 13-15 agosto il 2016.

Le associazioni riunite: Joint Network News “Sortir du nucléaire, MIRABEL – Lorraine Nature Environnement, Meuse Nature Environnement, ASODEDRA, CEDRA 52, gli abitanti vigili del Gondrecourt, BureStop55, Zone Libre e l’avversario-es e soggiorno-stanno combattendo contro Cigéo e altrove

da sortirdunucleaire.org