Notizie Flash

Erri de Luca inizia il processo per istigazione a delinquere

Giovedì 5 a Torino inizia l'udienza preliminare per l'accusa mossa dalla Procura di Torino contro lo scrittore. Solidarietà da tutta Italia e presidio davanti al tribunale.

di Davide Amerio

Il 10 Maggio scorso abbiamo incontrato alla manifestazione di Torino: anch’egli sfilava con il corteo per manifestare contro le accuse assurde di terrorismo addebitate a Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò.  Un’accusa grave rigettata dalla sentenza della Corte di Cassazione.

In quell’occasione parlammo anche di quella rivolta a lui dalla Procura di Torino che gli imputa il reato di istigazione a delinquere; motivo per cui il 5 Giugno 2014 tocca a Erri presentarsi davanti ai giudici di Torino per l’udienza preliminare della causa intentata nei suoi confronti.

Anche questa accusa prodotta dal pool di magistrati che indaga sulle vicende No Tav in Val di Susa si presenta come abnorme e fuori luogo. Lo scrittore aveva espresso la propria opinione contraria all’opera devastante del Tav in Val di Susa e aveva difeso la legittimità di un “popolo” nell’opporsi alla devastazione del proprio territorio e a disobbedire per non soccombere sotto il peso di interessi economici di parte.

Clipboard01 De LucaSono orgoglioso di questa accusa -ci raccontò De Luca il 10 maggio scorso-, ci sono personaggi che hanno detto cose ben più gravi delle mie (riferimento a certe dichiarazioni della Lega) e non è successo nulla. Se le mie parole hanno scatenato tutto questo -concludeva- significa che hanno un peso.

In queste ore da più parti d’Italia sono state promosse azioni di solidarietà nei confronti di Erri De Luca. Una raccolta firme all’indirizzo iostoconerri@gmail.com ha già raccolto moltissime adesioni tra queste firme di attori, scrittori, intellettuali.

Giovedì 5 alle ore 11 davanti al tribunale di Torino verrà realizzato un presidio nel quale verranno letti brani dello scrittore per ribadire e difendere il diritto alla libertà di parola e di opinione così come inteso dall’articolo 21 della nostra Costituzione.

D.A. 03.06.14