Notizie Flash

Firenze, Tav inquina le polveri sono dappertutto

Grandi cantieri, grandi inquinamenti, a Firenze ci pensano i cittadini a denunciare. Ancora una volta le autorità arrivano dopo.

di Report

Il sottoattraversamento a Firenze, già bloccato da un’inchiesta giudiziaria nel gennaio 2013, sfora nei parametri delle polveri sottili, i pm10 e 2,5 creano inquinamento per i cittadini. “Le ricordiamo che una delle prerogative di ogni sindaco è quella di tutelare la salute deitunnel-tav-firenze-2 cittadini e su questo vorremmo richiamarla alle sue responsabilità – si legge nella comunicazione al primo cittadino dal comitato di Firenze – troviamo gravissimo che nel più grande cantiere che interessa la nostra città le strutture dell’Arpat – (Arpa in Toscana) – siano intervenute solo su segnalazione di cittadini”.

Ai cantieri Tav ex Macelli di viale Corsica quindi si vive lo stesso problema che in Valle di Susa con il cantiere geognostico della Maddalena di Chiomonte, le polveri lì presenti inquinano, lo dicono i dati; ma non solo il “sistema” usato per il controllo rispecchia la legge che vede appunto il controllo ordinario gestito per monitorare i lavori della nuova stazione dell’alta velocità, dalla ditta appaltante, ancora tunnel-tav-firenzenel comunicato al sindaco: “Tutto nasce dalla gravissima anomalia del general contractor cui sono delegati i controlli ambientali. E’ evidente l’assoluta mancanza di terzietà di queste rilevazioni”.

I cittadini riuniti nel Comitato No Tav Firenze ricordano anche al Sindaco Dario Nardella che esiste già un’alternativa di superfice alla stazione Foster, messa a punto dall’Università di Firenze, meno costosa e meno impattante: “La Sua Giunta potrebbe e dovrebbe impegnarsi a fondo per uscire dal disastro progettuale, economico, morale e ambientale cui stiamo assistendo”, chiude il comunicato.

V.R. 17.3.15

No tags for this post.