Notizie Flash

Francia, l’opposizione al megaelettrodotto ha origini remote

Come spesso accede l'opposizione ha un confine. Oltralpe non viene mai riportata la notizia. Manifestazioni di piazza, sabotaggi, repressione, blocchi prefettizi e arresti hanno occupato i primi tre mesi invernali. No THT il simbolo francese.

di Report

Dalla fine di ottobre l’opposizione ha visto il via dei lavori di deforestazione, nessun avvertimento, il via al megaelettrodotto ha un percorso di linee di tensione molto elevati nell’alta Valle della Durance (tra Gap e Briançon). Le prime sentinelle avvertono i movimenti dei lavoratori, ma alcuni passi li hanno già fatti. I rimedi giurisdizionali i consigli comunali come in Italia, servono, ma non bloccano mai nulla, e “non passa giorno senza che l’avversario a il progetto si manifestano in diversi punti della valle”, come dichiarato in interviste francesi alle tv locali dal “Collectif ”.

No THT (3)

Passeggiate e picnic portano l’8 novembre 600 persone in strada, insieme la bloccano a dei lavoratori diretti nelle loro zone di lavoro. I tentativi di intimidazione dei governanti, è anche qui molto diffusa. Persone prese alla stazione per un controllo di identità, si rifiuteranno poi di fornire le loro identità. In televisione compare per una comunicazione il Prefetto Besnard che emana un manifesto recante l’interdizione a qualsiasi manifestazione contro la THT per 3 mesi. “E sì, nelle Hautes-Alpes, come altrove, lo stato di emergenza consente poi di accentuare la repressione e gli obblighi, fornendo alle forze in divisa sul campo ogni discrezionalità”, tradotto dal comunicato francese.

No THT (6)

In risposta, gli oppositori si sono organizzati, blocchi delle strade per il sabotaggio e sabotaggi dei mezzi da cantiere sono avvenuti costantemente. Traduciamo un loro comunicato stampa di una giornata d’opposizione avvenuta in novembre 2015:

Qui ci sono i verbali di Martedì, 24 novembre. L’appuntamento è stato dato alle 13h
“Siamo riuniti qui in più di cinquanta persone nel parcheggio di coaguli a St. Clement sur Durance, siamo decisi a sfidare i divieti del prefetto delle , che vieta tre mesi al movimento di protesta NoTHT. Dopo qualche discussione sulla strategia per bloccare il sito, prendiamo la pista che ci porta nella zona all’ennesimo saccheggio di RTE. Raggiungiamo prima di tutto un’escavatrice che stava perfeziondo il suo scavo, e lo blocchiamo. E poi si va un po più alto in un sito di taglio degli alberi, seguiamo, al passaggio, pezzi di albero lasciati sulla pista . Miloud, il caposquadra per RTE, è seccato. Fabrice RG si unisce a lui sudato e senza fiato … e ne approfitta per pronunciare alcune minacce nei confronti dei manifestanti. Lo stato di emergenza gli dona una sensazione di potenza ineguagliabile. Ritorna il sito online, è stato bloccato per più di un’ora, i compagni di lotta appostati più in basso sulla strada ci avvertono dell’arrivo dell’ufficiale giudiziario (pagati per gentile concessione di RTE per costruire casi e ci aspettiamo nuove prove), insieme l’arrivo di una dozzina di veicoli della gendarmeria. In tutto, più di 34 poliziotti sono contati nelle diverse strade d’accesso al sito. Decidiamo tutti insieme di scendere giù da un altro sentiero. Arriviamo nella frazione di coaguli, sappiamo che i poliziotti sono in attesa sul parcheggio dove ci sono molte persone. Abbiamo deciso collettivamente di rifiutare l’identificazione e fare un blocco. Camminiamo, i poliziotti sono posizionati di fronte a noi, affermano che essi sono obbligati ad effettuare un controllo d’identità. Gli viene detto che non ci sarà questa volta. Usiamo il “metodo dei gomiti” e restiamo in silenzioso davanti alla polizia. Non è confortevole, ma libri a mano, loro non sanno cosa fare. Abbiamo osservato alcuni minuti. Improvvisamente abbiamo deciso di tornare indietro e andare a bere qualcosa … il caldo!!!, la gente ci ha invitato a rinfrescarci con i vicini del villaggio. La solidarietà è la più bella cosa che può instaurarsi tra di noi. E bello. Discutiamo, ci idratiamo, anche tè, caffè, i nostri bambini che ci accompagnano bevono i loro biberon di latte caldo. IL cordone dei poliziotti fuori. Poi intorno 04:45, la maggior parte dei poliziotti blu se ne vanno, dicendo che hanno informazioni sufficienti per completare con successo il loro piano quinquennale di “fichage”. Si torna sulla strada, in carovana.

Nel pomeriggio, abbiamo ricevuto una telefonata dalla Prefettura. Il Prefetto da a Avenir Haute Durance e NoTHT Collettiva un incontro per mercoledì con la sola condizione che non vi sia alcuna dimostrazione in Gap per quel Mercoledì … è fantastico. Il compromesso non è difficile da accettare. La strategia fanfaronante del giovedi scorso è arrivata alla fine della ricreazione, non sembra più pertinente per il signor Prefetto. Un comunicato stampa ai media locali e una azione di blocco nello stesso giorno, e così si pone l’equilibrio al potere!

Inoltre, giunge la notizia che il Tribunale Amministrativo di Marsiglia ha bloccato il cantiere sito al campo d’aviazione di St Crépin (base logistica per RTE THT). E ci fa sorridere. Senza questa base completata, non possono lavorare gli elicotteri per il trasporto dei piloni. Sarà lungo, molto a lungo, per RTE il completare queste linee THT

Diventerà un nuovo pantano per lo Stato, come a Notre Dame des landes … moltiplicare i fronti in questa vecchia puzzolente democrazia … presa in ostaggio da una manciata di énarques, banchieri e commercianti d’armi.

Il tempo delle vacche grasse è finita!
Solo la lotta paga! Nuove azioni a venire! La resistenza continua! “

No THT (4)

Non solo, i primi mesi invernali hanno avuto una sollevazione popolare molto intensa che ha così portato a diverse azioni importanti per rallentare l’avanzata della mega linea di corrente ad alta tensione, linea che si innesta in un corridoio europeo e che arriverà anche in Italia secondo il progetto THT. Gestito da S.p.a per il nostro paese, attraverserà la Valle di Susa e continuerà su Torino portando la corrente delle centrali nucleari. Un’infrastruttura, a dire dei proponenti, “essenziale e necessaria”, riscontrata dagli oppositori “inutile e non necessaria” basti pensare che il fabbisogno elettrico italiano è sovradimensionato di più del doppio, in soldoni importiamo già oggi più del necessario. Questo surplus energetico comunque risiede come pagamento nella bolletta elettrica che lo si usi o meno, serve a pagare i costi di gestione delle strutture per la fornitura elettrica.

No THT (2)

Inseriamo di seguito la traduzione della campagna invernale, non ancora finita, dell’oltralpe in lotta, presa dal loro sito:

Questa cronologia non è completa, molte altre azioni hanno avuto luogo: blocchi di cantiere, di strade d’accesso, posa di striscioni, segnaletica di cantiere cancellata, raduni e tag.

  • 19-20 settembre: fine settimana contro il THT. Domenica, una manifestazione ha raccolto 500 persone. I cancelli del cantiere dell’eliporto RTE St Crépin sono abbattuti dai manifestanti. La strada Nazionale bloccata due volte. Un RG inseguito dai dimostranti. Alcuni tag decorano l’area circostante l’aeroporto.
  • 30 ottobre: Blocco del sito in St Apollinaire con una dozzina di persone. Entrambe le macchine fermate: zucchero sarebbe stato versato nei loro serbatoi.
  • 3 novembre: Blocco a Réallon in quaranta persone. A 3 persone vengono controllati i documenti d’identità.
  • 8 novembre: a piedi intorno al cantiere di Réallon, e assemblea. 600 persone presenti. Batterie di tronchi sono distribuiti sulle piste.
  • 10 novembre: Blocco Réallon. Una persona è convocato alla stazione di polizia di Embrun. La gente si riunisce nel pomeriggio per sostenerlo. Bloccato del cantiere dei 63000V a San Martino Queyrières, una ventina di persone.
  • 11 novembre: Raduno a Puy Sanière: Picnic, assemblea. NO THT viene scritto con le pietre.
  • 12 novembre: Blocco a San Martino Queyrières con quindici persone. 80 oppositori vanno al Consiglio Comunale de l’Argentiere.
  • 13 novembre: Alcuni oppositori vanno al Consiglio Comunale di Réotier (Réotier è il comune che si è fatta pagare una compensazione di € 250.000 da RTE)
  • 18 novembre: Blocco del cantiere di Puy Sant’Eusebio in venti persone. Le persone si rifiutano di affermare la propria identità alla polizia. Tronchi, grandi pietre sono in equilibrio sulle piste. Il poliziotto non avrà nessuna identità e si vendicherà convocando una persona che portava fuori la spazzatura.
  • 23 novembre: Il prefetto ha vietato tutte le manifestazioni contro la THT. I trattori per la deforestazione sono stati sabotati nella notte tra il 18 e il 19.
  • 24 novembre: Blocco del cantiere in San Clemente sur Durance. Cinquanta persone. Trenta poliziotti che cercano di controllarli. Rifiuto collettivo, i bloccatori-e sono un unico blocco. Nessun controllo. Il Prefetto Besnard concede una riunione il giorno successivo presso la sede Gap.
  • 25 novembre: Il prefetto annulla la riunione delle macchine, sono state sabotate durante la notte.
  • 2 dicembre: Tre blocchi di cantiere nella valle si verificano nello stesso tempo. A Puy Sanière, San Clemente, e Chorges dove i manifestanti rallentando l’arrivo di un camion di cemento (per la fusione dei tralicci di fondazioni). Polizia con caschi e scudi e con carico e gas. Una persona è arrestata e rilasciata.
  • 7 dicembre: Un camion della società Allamano che ha costruito le strade per il cantiere aveva i suoi pneumatici tagliati, e le sue finestre rotte a l’Argentiere.
  • 9 dicembre: una sessantina di persone bloccano per diverse ore un convoglio nazionale di prefabbricati per la creazione di uffici per RTE all’aerodromo di St Crépin. Il cantiere per la deforestazione nel pomeriggio è bloccato a Châteauroux les Alpes.
  • 12 dicembre: un incontro proibito dalla prefettura vede la partecipazione di quasi 200 persone a Gap.

Hautes-Alpes: Dimostrazioni No THT, blocchi di cantieri continueranno. Questo è stato il messaggio di lunedi del Collettivo THT NO, e viene vigorosamente contesta la decisione del prefetto del Dipartement Haute Alp, Pierre Besnard, che vieta le manifestazioni per tre mesi. Il prefetto accusa l’anti EHV di sabotaggio multiplo in loco. Il gruppo si incontra e duramente vuole mantenere la pressione.

notht affiche

La battaglia in Francia nelle Haute Alp è appena iniziata, mentre da più di un anno e mezzo, vicino al confine con la Spagna un altro gruppo di oppositori tiene a freno i campi eolici che devasterebbero il loro territorio, un territorio che ha già il passaggio della linea THT con in luogo un trasformatore inquinante e nocivo. Nessuno ne parla ma per mantenere attivo il passaggio di corrente così alto, ogni tanti km c’è bisogno di una stazione di sostegno identificata in un trasformatore. Sono già numerose le enciclopedie tecniche che spiegano la nocività e la cancerogenità di questi siti.

V.R. 14.01.16