Inceneritore, Termovalorizzatore, Cancrovalorizzatore: a seconda di chi ne parla o di chi lo subisce

Da Beinasco a Torino, in piazza d’Armi, un migliaio di persone sfilano per quasi dieci chilometri contro l’inceneritore del Gerbido di Grugliasco.

Inceneritore_babacio

di Massimo Bonato

Corso Orbassano penetra dalla periferia sin nel cuore della Crocetta della Torino bene. Una o due volte l’anno ospita una festa rionale organizzata dai commercianti della zona. Si dipana allora lungo la carreggiata l’ingombro delle bancarelle in tutto o quasi identiche a quelle di un comune mercato feriale, ancorché lo si vorrebbe festivo, in un’atmosfera di artefatta festività, con fanfara, giochi per bambini e cineserie d’ogni tipo.

Lo ingombravano cortei la seconda metà degli anni Settanta, quando i circoli del proletariato giovanile si radicavano nei quartieri cittadini come il circolo Zapata alla Tesoriera, o appunto il circolo Cangaçeiros che aveva occupato prima la “Villa”, poi la sede del comitato di quartiere  Centomila. Insomma eran quasi trentacinque anni che su corso Orbassano non si vedeva una manifestazione che urla le proprie ragioni contro un sopruso sociale.

Un migliaio di persone si è dato appuntamento ieri pomeriggio, sabato 11 maggio, in piazza Dolci a Beinasco, per sfilare sino in piazza d’Armi a . Organizzata dal Coordinamento No Rifiuti Zero, la manifestazione si è aperta con un lungo striscione nero Inceneritore=Morte, al quale altri fanno seguito come parole d’ordine di preoccupazioni imperanti: la salute innanzitutto, ma anche la ricaduta sull’agricoltura, sugli allevamenti animali, sui costi e sul senso stesso della democrazia.

Se la prospettiva è quella di sottoporsi a continui prelievi ed esami da un lato, e come accade a Brescia, impedire il pascolo nelle aree adiacenti al termovalorizzatore, la prospettiva non è rosea.

Ancora una volta dietro a un No una forte idea portante vorrebbe poter dire Sì: no allo smaltimento dei rifiuti per combustione, sì a una efficace raccolta differenziata, al trattamento meccanico e al riutilizzo dei materiali di scarto. Del resto nel termovalorizzatore del , alle porte di Grugliasco, verranno combusti materiali come plastica, carta, legno, metalli, sostanze organiche. I valori di emissione sono nella norma secondo gli esami Arpa, ma stando al materiale informativo confezionato dal Coordinamento, l’inceneritore è autorizzato a emettere 680 kg al giorno di polveri sottili, ossidi di azoto, ossido di zolfo, ammoniaca, oltreché la diossina (prevista per un’emissione di 0,46 mg/giorno, a fronte del limite imposto dai primi anni Novanta in 90 ng/giorno), mentre al confronto un’auto Euro2 diesel a Torino non potrebbe circolare per un’emissione di circa 0,060 gr/km di particolati (dati Netcem della pagina Informambiente del Comune di Torino).

Termovalorizzatore è anche l’eufemismo con cui l’inceneritore viene ingentilito, mettendo in risalto la missione di fornire calore a 17 mila famiglie, mentre secondo il Coordinamento inquinerà come 150 mila caldaie: come dire che l’operatore ecologico non è uno spazzino o che la puttana divenuta operatrice sociosessuale ha cambiato mestiere.

Bandiere No-inceneritore e No-Tav, No-Muos hanno sfilato per tre ore sotto il sole primaverile con ciclisti e bambini e trattori (su cui non avrebbe guastato veder campeggiare qualche bandiera della Coldiretti) fino in piazza d’Armi dove si sono avvicendati su un palco improvvisato i responsabili del Coordinamento. Tante le sigle che hanno aderito alla manifestazione apartitica, in cui hanno passeggiato esponenti del M5S come Davide Bono, Alberto Airola, Laura Castelli, Giorgio Bertola, Vittorio Bertola e altri. Un paio di macchine dei carabinieri e una squadra di polizia, basco in testa e mani in tasca han seguito il corteo, coadiuvando i civich che a tratto a tratto deviavano la circolazione automobilistica: questo è bastato a far parlare alla stampa nostrana di un “imponente spiegamento di forze”. Del resto, secondo alcuni, questa presentazione pubblica del Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero, questa manifestazione apartitica, non è che “l’inizio di una storia già vista”: una delle tante da svilire e svuotare di significato. Una delle tante sorte dalla coscienza della gente comune, i cui interessi sempre più divergono dagli interessi di Palazzo.

 

Massimo Bonato 12.05.13