Notizie Flash

LETTERA APERTA AI SINDACI DI CHIOMONTE E GIAGLIONE

di Redazione.

Pubblichiamo la notizia apparsa sui Social.


Il Prefetto di Torino ha vietato la circolazione di persone e mezzi per un raggio di 300 metri tutto intorno alle strade comunali di e

Violato il diritto alla libera circolazione sul territorio dello Stato ex art. 16 Costituzione
Lettera Aperta ai Signori Sindaci di Chiomonte e Giaglione

Avete pubblicato sui vostri Albi Pretori on line l’ordinanza del Prefetto di Torino N.2010000723/Area I Ord. e Sic. Pub. Del 17/07/2019.

Ma ci chiediamo se l’avete letta o se avete pensato che tanto riguardava soltanto quei facinorosi dei .

Ci chiediamo se avete letto cosa sta scritto a pagina 5? Proviamo a evidenziarvelo:

In particolare ci chiediamo se non avete nulla da dire circa l’interdizione alla circolazione di persone e mezzi per un raggio di 300 metri tutto intorno alle strade comunali sopra citate visto che questa interdizione colpisce gran parte dell’abitato di Chiomonte ed una bella fetta di quello di Giaglione.

Per rendere più facilmente comprensibile l’interdizione citata sopra, vi alleghiamo le mappe tratte de Google Earth con evidenziata la salvaguardia del raggio di 300 metri intorno agli assi viari citati nella delibera.

Vorremmo ricordare che nella delibera non si fa distinzione tra cittadini comuni e cittadini no o cittadini residenti, anche per rispetto di quel cardine del Diritto che sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.

Vorremmo ricordare che le ordinanze dovrebbero essere fatte rispettare da tutti e non solo dai no tav, come è ormai da 8 anni è la norma.

Sulla illegittimità costituzionale di dette ordinanze che vengono reiterate ininterrottamente dal 27 giugno 2011 (da otto anni!) alleghiamo un documento inviato dall’avvocato Massimo Bongiovanni al comune di Chiomonte in data 27/6/2019.

Speriamo, da parte vostra una presa di posizione molto forte in difesa della libertà di circolazione dei vostri amministrati in modo che non debbano essere condannati, di fatto, agli arresti domiciliari per rispettare un’ordinanza scritta da chi, forse, non sa neppure dove siano le strade citate in delibera.

Art. 16 Costituzione – Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche

Con saluti.

Alberto Perino, Maria Grazia De Michele, Diego Fulcheri, Andrea Pia, Doriana Tassotti, Mario Fontana, Giulia Ferro, Monica Gagliardi, Luigi Robaldo, Enrica Falco, Pietro Davy, Maria Chiara Cebrari, Marco Fagiano, Emilio Delmastro segretario di Pronatura Piemonte, Paola Martignetti. Ludovico Jengo, Franco Olivero Fugera, Pier Favario, Nicoletta Dosio, Aldo Silvano Giai, Ugo Usseglio, Maria Teresa Messidoro, Marisa Meyer, Gildo Meyer, Mauro Rubella, Peirolo Bruno Giorgio, Franzoni Maria, Martin Cesare, Mariagrazia Tesse, Gabriella Tittonel, Paolo Perotto, Daniele Brait, Dario Bertuzzi, Elena Pozzallo, Carlo Ponsero, Fulvia Masera, Giuseppe Lizzari, Paciolla Emilia, Claudio Sibille, George Sibille, Marina Mancini, Michele Zapponi, Piera Pareti, Santino Spinali, Ivan Magliano, Emanuele Magliano, Maja Perak, Flavia Guidi, [in continuo aumento … ]