Notizie Flash

M5S entra nel cantiere del TAV

5s

Comunicati Stampa Movimento 5 Stelle Piemonte

Oggi, finalmente, dopo una serie di “respingimenti”, si è svolta la prima di una serie di visite al cantiere TAV della Maddalena da parte di parlamentari M5S e tecnici e consiglieri del territorio. Ci preme evidenziare innanzitutto come controllare questo cantiere sia un nostro diritto, ma soprattutto un nostro dovere di rappresentanti del popolo. Un preciso impegno che abbiamo nei confronti dei cittadini, per controllare come vengano spese ingenti risorse in un grave momento di crisi economica e come proceda l’attività al netto della propaganda del partito unico-trasversale del Sì TAV e dei mezzi di informazione compiacenti.

Subito un goffo tentativo da parte di Ltf di bloccare la possibilità di fare riprese e scattare fotografie, citando un inesistente articolo 10 della legge 119/2013, è andato in fumo dopo una serie di nostre rimostranze legge alla mano: d’altronde televisioni di mezza Europa hanno ripreso in lungo ed in largo il cantiere. A che pro? In seguito non ci è stato mostrato alcun documento riguardante la perimetrazione dell’area di cantiere né alcun documento ufficiale: segnaliamo come ancora siamo in attesa del fantomatico progetto esecutivo del cunicolo esplorativo: deve essersi perso nei meandri di qualche Ufficio Complicazione Affari Semplici. Abbiamo visitato il cantiere in lungo ed in largo e sicuramente possiamo dire che è stato “tirato a lucido per l’occasione”: diversi altri osservatori ci hanno segnalato l’elevata dispersione di polvere delle attività negli altri giorni, mentre oggi, complice una provvidenziale lavatura delle aree di cantiere, neanche un filo s’è sollevato. Scarsamente diffusi tra gli operai i dispositivi di sicurezza. Dubbi sul sistema di pompaggio dell’acqua, che al momento sembra essere lasciata pericolosamente percolare nel suolo nelle aree oggetto di “jet grouting”, iniezioni cementizie a difesa dei piloni autostradali, messi a rischio dai siti di deponia dei materiali estratti dal cunicolo. L’attività della talpa procede decisamente a rilento e ad oggi risulta aver scavato non più di una quindicina di metri, nonostante gli annunci roboanti dei media. Immancabile l’accensione della talpa proprio mentre siamo in visita nel cunicolo, come a dire: ci stiamo dando dentro.

La nostra attività di controllo proseguirà, ma non saremo solo gli osservatori di questo immenso spreco di risorse: continueremo ad essere i più convinti oppositori nelle sedi istituzionali e non ci arrenderemo finchè questo cantiere non verrà chiuso e le sue risorse investite in piccole opere infrastrutturali, decisive per la vita di tutti i giorni dei cittadini italiani.

Marco Scibona – Senatore M5S Piemonte
Laura Castelli – Deputata M5S Piemonte
Ivan Della Valle – Deputato M5S Piemonte
Davide Bono – Consigliere regionale M5S Piemonte

Ufficio Stampa gruppo consiliare regionale MoVimento 5 Stelle 347-1498358

No tags for this post.