Notizie Flash

‘Ndranghe-Tav, confisca di 10 milioni alle cosche.

La 'ndrangheta riciclava il denaro sporco inserendosi negli appalti delle grandi opere come il Tav, la costruzione del Porto di Imperia e le passate Olimpiadi del 2006.

di Valsusa Report

C’è la conferma: la Corte di Cassazione, il 10 marzo 2014 ha definitivamente disposto la confisca del patrimonio immobiliare di due affiliati alla ‘ndrangheta, Ilario D’Agostino, originario di Placanica e Francesco Cardillo, di Bovalino.

La DIA Torinese ha confiscato il patrimonio immobiliare dei dda3due per un valore complessivo che ammonta a 10 milioni di . Il Tribunale di Torino lo aveva sottoposto a sequestro già dal 22 aprile 2012. Le indagini, avviate nel 2008 dal Centro Operativo di Torino, avevano permesso, come spiegato in una nota – di individuare un sodalizio costituito da persone legate da vincoli familiari e contigue ad ambienti di criminalità organizzata riconducibile alla ‘ndrangheta che, con l’inserimento di giovani parenti o di altri soggetti comunque incensurati, deteneva da anni il controllo di di costruzioni e di altre attività economiche, tramite le quali riciclava denaro di provenienza illecita insinuandosi in appalti di pubblica evidenza, quali quelli per la realizzazione di alcune tratte della piemontese e per la costruzione delle opere connesse alle olimpiadi di Torino 2006.

L’organizzazione riciclava denaro di provenienza illecita. Il modo utilizzato per riciclarlo era inserirsi in appalti pubblici, e i beni sequestrati, intestati ai predetti e ad alcune delle società loro riconducibili (Italia Costruzioni Srl e Ediltava Srl), sono relativi ad immobili, terreni, una villa con garage a Legnano (Milano), che Italia costruzioni aveva rilevato nel 2007 dal fallimento della Floridia di Cosimo dda2Barranca, originario di Caulonia, capo della locale di Milano, arrestato nel luglio 2010 dalla Dda di Milano nell’ambito dell’operazione ‘Infinito’. E ancora otto case e garage a Villareggia (Torino), tre garage in centro a Torino, una casa a Calliano (Asti) e una ad Orbassano, una lussuosa casa con garage a Torino, alcuni terreni edificabili a Riace (Rc), un terreno edificabile lottizzato per la costruzione di un centro commerciale a Caulonia (Rc), quattro appartamenti con box auto a Cervere (Cn). E’ stata ritrovata e confiscata anche la somma di 156.985 euro, provenienti della vendita di un’abitazione e relativi garage a Oulx (Val di Susa).

VR. 13/03/14