Notizie Flash

No Tap: al via in Puglia l’eradicazione di 200 ulivi per il gasdotto. Proteste popolari

In un comunicato dei giorni scorsi i No Tap hanno sottolineato l’inutilità dell’espianto degli ulivi dal momento che i lavori non potranno comunque partire fino a che non verrà approvata la variante progettuale che ha portato alla riapertura dalla Via

Sono iniziate all’alba di lunedì 20 marzo, in , le eradicazioni degli oltre 200 che si trovano a San Basilio di San Foca, marina di (Lecce), lungo il tracciato dove dovrebbe sorgere il microtunnel del gasdotto Tap.

La Trans Adriatic Pipeline è il terzo segmento del Southern Gas Corridor: un progetto che prevede la costruzione di 4000 km di tubi che dall’Azerbaigian porteranno il gas in , attraversando sei paesi tramite tre gasdotti; uno di questi è il Tap che dopo aver attraversato la Grecia l’Albania e l’Adriatico arriverà in a 800 metri della spiaggia di san Foca, zona di pregio naturalistico, per poi proseguire a nord dove andrà a collegarsi con la rete nazionale gestita da Snam.

Questa mattina i vigili urbani di Melendugno hanno notificato ai responsabili del cantiere una diffida dal proseguire i lavori motivata dall’assenza delle previste autorizzazioni, ma ruspe e camion hanno operato lo stesso, forti dell’autorizzazione ministeriale e una del Servizio provinciale agricoltura, della Regione Puglia (anche se il presidente della regione Emiliano interpellato dal comitato su Facebook ha risposto che “l’espianto è illegale”).

Sul posto dall’alba decine di attivisti e ambientalisti che hanno bloccato a più riprese le eradicazioni: chi sedendosi per terra davanti ai camion, chi in automobile, a passo d’uomo per rallentare e bloccare l’avanzata dei mezzi; alcuni attivisti sono stati spostati di peso dal massiccio dispositivo Digos e Polizia.

Grazie alla pressione popolare sono stati eradicati solo 34 degli oltre 200 ulivi presenti.  Dopo il presidio gli attivisti  si sono spostati in Procura per sollecitare il sequestro dell’area e chiedere lo stop alle eradicazioni.

In un comunicato  dei giorni scorsi i hanno sottolineato l’inutilità dell’espianto degli ulivi dal momento che i lavori non potranno comunque partire fino a che non verrà approvata la variante progettuale che ha portato alla riapertura dalla Via e riguarda proprio la realizzazione del microtunnel. Il progetto, come detto, vede l’opposizione anche dei comuni della zona, è inoltre rischioso: la conformazione geologica non riuscirebbe a sostenere l’enorme struttura in cemento del pozzo di spinta; secondo quanto sostenuto dall’ingegner Alessandro Manuelli, referente tecnico del Comune di Melendugno e del Comitato No Tap, la struttura potrebbe portare al cedimento del fondo calcareo e argilloso e sprofondare o, viceversa, a causa della presenza d’acqua, potrebbe addirittura risalire e spostarsi. Se una di questa eventualità avvenisse mentre il gasdotto è in esercizio – sostiene l’ingegnere – il gas potrebbe finire in alcune cavità carsiche sotterranee“. Di qui la tesi dell’irrealizzabilità del progetto.

Dal con noi Luigi Russo, Movimento Popolo degli Ulivi . Ascolta o scarica.  [Download

da Radio Onda D’Urto