Notizie Flash

Processo per terrorismo. L’orgoglio e la dignità

Le dichiarazioni a sorpresa degli imputati cambiano la faccia del processo e lasciano ai pm i loro "giochi di guerra". Ora il processo si fa più politico. I testi integrali delle dichiarazioni degli imputati.

di Fabrizio Salmoni

In un’udienza tutta dedicata a ricostruire i percorsi di indagine a partire dalle intercettazioni telefoniche, i quattro imputati hanno chiesto e ottenuto di fare dichiarazioni spontanee, un passo concordato con gli avvocati per spostare il focus del processo dall’impostazione paraterroristica della Procura ad un piano realistico e coerente con le loro scelte di lotta.

“Quella notte io c’ero. Quelle voci sono le nostre e abbiamo deciso di intervenire oggi prima che questo processo si trasformi in una sede di perizie e controperizie.- ha esordito Mattia Zanotti –  In Valle c’è un motto: si parte e si torna tutti insieme, nessuno va lasciato indietro. A questo sono servite le nostre voci quella notte. Lascio il culto della guerra agli altri. Mi tengo i valori della resistenza, dell’amicizia e della forza”;

“La notte tra il 13 e il 14 maggio 2013 ho preso parte al sabotaggio del cantiere a Chiomonte – ha detto Claudio Alberto – ma qualsiasi cosa faccia riferimento a guerra e eserciti mi fa orrore. Dall’accusa di terrorismo non ho intenzione di difendermi, ma la solidarietà e l’affetto che ho ricevuto sono sufficienti a demolire questa assurda imputazione”.

“C’ero quella notte ed è mia la voce femminile che si sente. Ne sono fiera e felice” a sua volta ha rivendicato Chiara Zenobi; “Dietro quelle reti c’eravamo tutti” – ha confermato Nicolò Blasi con l’orgoglio di chi sa di avere dalla sua la ragione e la forza di tutta la Val Susa.

La verità, gettata a sorpresa in faccia ai pm, è che la montatura e l’accanimento giudiziario sono armi di un Potere semiprivato che protegge i propri interessi con la violenza contro la gente e l’ambiente naturale. Non c’è bisogno di essere pericolosi  terroristi per andare a sabotare il cantiere, di “gruppi d’assalto”come li ha definiti il supercop De Grigori, addetto Digos alle intercettazioni, che in realtà si chiamavano tra loro  “gruppo marmotte”, di “linguaggio criptico” per dirsi dove ritrovarsi tutti insieme dopo l’azione, di “artifizi micidiali” quando poi tra i reperti c’è una trombetta “per dare i segnali di attacco e ritirata”.

10712770_747484668651155_605617351157081326_n“Solo protesta collettiva con attenzione all’incolumità delle persone… La verità è più semplice e meno roboante” della terminologia di guerra usata dai pm per una detenzione punitiva che dovrebbe far paura a tutta la Valle..

Le dichiarazioni dei ragazzi, insieme alla loro rinuncia a farsi interrogare, chiudono la fase di indagine indiziaria per accertare l’identità degli intercettati e ne aprono una nuova in cui sarà in discussione l’interpretazione dei fatti in una luce in cui le “particolari motivazioni di carattere sociale” potranno avere un peso e in cui il processo si farà più politico. La nuova strategia, concordata con i difensori, si avvarrà di altri elementi che potranno essere usati anche in sede di Riesame, il prossimo 6 Ottobre. D’altra parte, dicono i difensori, i tempi del processo non vengono sostanzialmente modificati ed è possibile che di fronte a una giuria popolare e a un presidente che non si lascia mettere i piedi sul collo dai pm (oggi ha respinto un paio di obiezioni) a differenza di quello del maxiprocesso, un’ammissione motivata di responsabilità contribuisca a isolare dei pm a cui probabilmente è stata lasciata da risolvere una situazione critica per l’immagine della Procura da loro stessi creata. (F.S. 24.09.2014)

 

LE DICHIARAZIONI DEGLI IMPUTATI

Conoscevo la Maddalena e la Val Clarea prima che ci venisse impiantato il cantiere dell’alta velocità. In quei boschi ho camminato, ho dormito, ho mangiato, ho cantato, ho ballato. In quei luoghi ho vissuto frammenti di vita preziosa insieme ad amici che ora non ci sono più e che porto nel cuore.

In quei luoghi sono tornato più volte negli anni.

Di giorno, di notte, di mattino, di sera; d’estate, d’inverno, in autunno e in primavera. Ho visto quei luoghi cambiare nel tempo, gli alberi cadere abbattuti a decine per fare spazio a siepi di acciaio spinato. Ho visto il cantiere crescere e un pezzo di bosco sparire, le torri-faro spuntare numerose e l’esercito arrivare a sorvegliare un desolato sterrato lunare con gli stessi mezzi blindati che pattugliano i monti afgani.

Così in Val Clarea son tornato una volta ancora in quella ormai celebre notte di maggio.

Molto, troppo, è stato detto e scritto su quella notte e non sta a me, né mi interessa, dire come si trascriva quel gesto nella grammatica del codice penale.

Quello che posso dire è che quella notte c’ero anch’io.

Che non fossi lì con l’intento di perseguire il terrore altrui o anche peggio, lo può capire qualsiasi persona dotata di buonsenso che abbia anche solo una lontana idea di quale sia la natura della lotta no-tav e quale il quadro di coordinate etiche all’interno del quale questa lotta esprime la sua ventennale resistenza.

Che fossi lì per manifestare una volta di più la mia radicale inimicizia verso quel cantiere e, se possibile, sabotarne il funzionamento, ve lo dico io stesso.

E se abbiamo deciso di prendere la parola oggi prima che questo processo si addentrasse nella selva delle perizie e delle controperizie vocali è proprio per affermare una semplice verità: quelle voci sono le nostre.

Su questo la procura ha costruito una storia.

Una storia in cui i cellulari diventano prove dell’esistenza di una catena di comando, addirittura di una pianificazione paramilitare, ma la verità -come spesso accade- è molto più semplice e meno roboante.

Esiste un motto in Val Susa che da anni è entrato nel bagaglio comune della lotta e ne orienta nella pratica le azioni di disturbo al cantiere.

Questo motto è: “si parte e si torna insieme”. A significare che in questa lotta ci si muove insieme. Insieme si parte e insieme si torna.

Nessuno va lasciato indietro. A questo servivano i telefoni quella notte, a questo si sono prestate le nostre voci.

Parlare invece di capi, di organigrammi, di commando, di strateghi, significa voler proiettare su quell’evento l’ombra di un mondo che non ci appartiene e stravolgere il nostro stesso modo d’essere e di concepire l’agire comune.

Per quanto mi riguarda lascio agli entusiasti speculatori ad alta velocità il triste privilegio di non avere scrupolo della vita altrui, e a loro lascio anche il culto della guerra, del comando e del profitto ad ogni costo.

Noi ci teniamo stretti i valori della resistenza, della libertà, dell’amicizia e della condivisione e da questi cercheremo di trarre forza ovunque le conseguenze delle nostre scelte ci porteranno.

Mattia.

 

 

La notte fra il 13 e il 14 maggio ho preso parte al sabotaggio avvenuto al cantiere della Maddalena a Chiomonte. Ecco svelato l’arcano.

Non mi stupisce che gli inquirenti nel tentativo di ricostruire i fatti usino parole come “assalto, attentato terroristico, gruppi paramilitari, armi micidiali”. Per chi è solito vivere e difendere una società fortemente gerarchizzata non può comprendere quello che è avvenuto negli ultimi anni in Val di Susa. Per descriverlo attingerà dalla propria cultura intrisa di termini bellici. Non è mia intenzione annoiarvi sui motivi per cui ho deciso di impegnarmi nella lotta contro il tav o su cosa significhi la difesa di quella valle, voglio solo sottolineare che qualsiasi cosa che abbia a che fare con guerra o eserciti mi fa ribrezzo.

Capisco lo sgomento dell’opinione pubblica e dei suoi affabulatori per la ricomparsa di questo illustre sconosciuto, il sabotaggio, dopo che si erano tanto spesi nel seppellirlo sotto quintali di menzogne.

Alla lotta contro il treno veloce il merito di aver rispolverato tale pratica, di aver saputo scegliere quando e come impiegarla e di essere riuscita a distinguere il giusto dal legale.

Alla lotta contro il treno veloce la grossa responsabilità di mantenere fede alle speranze che molti sfruttati ripongono in lei e di far assaporare ancora il gusto sapido del riscatto.

Mi permetto di rispedire alcune accuse al mittente. Siamo accusati di avere agito per colpire delle persone o quantomeno incuranti della loro presenza, come se provassimo profondo disprezzo per la vita altrui. Se c’è qualcuno che dimostra tale disprezzo è da ricercare nei militi che esportano pace e democrazia in giro per il mondo, gli stessi che presidiano con devozione e professionalità il cantiere della Maddalena. Per quanto concerne l’accusa di terrorismo non ho intenzione di difendermi. La solidarietà che abbiamo ricevuto dal giorno del nostro arresto ad oggi ha smontato a sufficienza un’incriminazione così ardita. Se dietro quest’operazione c’era il tentativo, non troppo velato, di chiudere i conti con la lotta no tav una volta per tutte, direi che è fallito miseramente.

Claudio

 

 

 

I motivi che mi hanno spinto in Val di Susa a prendere parte a questa lotta sono tanti; i motivi che mi hanno spinto a restare e continuare su questa strada sono ben di più.

In mezzo c’è un percorso di maturazione collettiva, di assemblee pubbliche e private, di campeggi e presidi, di confronto e scontro. In mezzo c’è la vita, quella di tutti i giorni, quella delle alzatacce e delle nottate insonni, della gola secca sui pendii rocciosi e dei pasti frugali, dei piccoli impegni e delle grandi emozioni.

In questo percorso chi lotta ha imparato la precisione del linguaggio, a chiamare le cose per quello che sono e non per l’involucro formale con cui si pubblicizzano, come un cantiere che prima era un fortino ed ora sta diventando una fortezza. Parole in grado di restituire il portato emotivo e l’impatto sulle proprie vite di determinate scelte della controparte, di chi ha deciso di invischiarsi in questa grande opera. Parole rispolverate da un lessico che sembrava antico e invece si riscoprono in tutta la loro potenza e semplicità nel descrivere le proprie azioni.

Un’accortezza di linguaggio che mi accorgo non essere così diffusa nel mondo circostante, quando leggo di improbabili ”commando” che secondo una certa ricostruzione propinata anche dai giornali avrebbero assaltato il cantiere nella notte del 13 maggio. Una parola quanto mai infelice non solo per il suo richiamo all’atto del comandare ma anche per una certa allusione mercenaria, inaccettabile, di chi sarebbe disposto a qualsiasi mezzo pur di raggiungere il proprio fine.

Di contro chi lotta ha imparato a convogliare con intelligenza persino le passioni forti e irruente che nascevano dai tanti colpi subiti quando un amico perdeva un occhio per via di un lacrimogeno o un altro era in fin di vita.

Per quanto mi riguarda la Val Clarea mi è amica fin da quando nel 2011 rilanciavamo la terra a mani nude nei buchi scavati dalle ruspe durante gli allargamenti del cantiere.

Ricordo che tra le tende di quel campeggio eccheggiava una canzone, tra le tante inventate per divertirsi e darsi forza, sulle note di un vecchio canto partigiano. Il primo verso recitava ”dai boschi di Giaglione uniti scenderemo….”. In questi anni molte volte è stato dato seguito e rilanciato quelle parole e qualcuno in quella notte di maggio ha deciso di farlo con altrettanta convinzione e io ero tra loro. Una delle voci dietro a quel telefono è la mia. Ma soffermarsi su una responsabilità personale per tesserne o meno le lodi non è in grado di restituire quel sentimento collettivo maturato nelle case di tante famiglie, di valle e di città, o tra una chiacchierata e una bevuta in un bar, nelle piazze e nelle strade, nei momenti conviviali come quelli più critici. Un sentimento che ha saputo esprimersi in uno degli slogan più gridati dopo i nostri arresti e che descrive bene la vera appartenenza di quel gesto: “dietro a quelle reti c’eravamo tutti…”. Uno slogan che ci riporta direttamente ad un assemblea popolare tenutasi a Bussoleno nel maggio 2013 con cui l’intero movimento salutava e accoglieva quel gesto chiamandolo sabotaggio.

E se dietro quelle reti c’eravamo tutti, dietro queste sbarre un pezzetto di ognuno ha saputo sostenerci e darci forza. Per questo, anche qui, qualunque siano le conseguenze delle nostre azioni, ad affrontarle non saremo soli.

Niccolò.

 

In quest’aula non troverete le parole per raccontare quella notte di maggio.

Usate il linguaggio di una società abituata agli eserciti, alle conquiste, alla sopraffazione.

Gli attacchi militari e paramilitari, la violenza indiscriminata, le armi da guerra appartengono agli Stati e ai loro emulatori.

Noi abbiamo lanciato il cuore oltre la rassegnazione.

Abbiamo gettato un granello di sabbia nell’ingranaggio di un progresso il cui unico effetto è l’incessante distruzione del pianeta in cui viviamo.

C’ero quella notte ed è mia la voce femminile che è stata intercettata.

Ho attraversato un pezzo della mia vita insieme a tutti quegli uomini e a tutte quelle donne che da più di vent’anni oppongono un no inappellabile ad un’idea devastante di mondo. Ne sono fiera e felice.

Chiara.