Seconda visita al cantiere, ancora nessun documento visionabile

Comunicato stampa Oggi [16.12. N.d.R.] si è svolta la nostra seconda visita al cantiere TAV di Chiomonte. LTF, con la “consueta trasparenza”, non ci ha nuovamente permesso di visionare i documenti richiesti. Non abbiamo visto le mappe e quindi ancora non abbiamo contezza di quale sia l’area di cantiere, quale quella CIPE, quella di deposito di materiale e quella militare. Poi… di progetto esecutivo neanche a parlarne!

Abbiamo però potuto notare come i serbatoi di carburante e i motogeneratori siano privi dei sistemi previsti dalla normativa vigente atti ad evitare la dispersione nel terreno di olii e carburante, abbiamo visionato le prime venute d’acqua nella realizzanda galleria del tunnel geognostico. Una modesta quantità d’acqua già nei primi metri di scavo fa presupporre grandi mandate a fine realizzazione: ecco come il tunnel geognostico inizia a drenare le falde acquifere che danno vita alla Val Clarea.

Infine, apprendiamo ora che l’aduzione al Senato dell’AD di LTF, l’Ing. Rettighieri, è saltata a causa degli impegni di quest’ultimo.

Se questa è “trasparenza”, ci viene il dubbio che bisognerà modificare i dizionari, oppure crearne uno in edizione particolare “Sì TAV”!

Marco Scibona
Senatore M5S Piemonte