Notizie Flash

Segretezza delle sostanze chimiche per il fracking. Alti rischi ambientali

Nonostante un rapporto che lega la pratica del fracking alla contaminazione dell'acqua potabile, molte delle sostanze chimiche usate sono sconosciute.

di  per The Guardian.

Nonostante un rapporto che lega la pratica del alla dell’, la lista di oltre 1.076 sostanze chimiche usate durante il processo rimane sconosciuta al pubblico.

L’industria del fracking deve essere obbligata a fornire informazioni molto più dettagliate alle autorità e il pubblico deve essere accuratamente informato dei rischi per l’, sostengono i gruppi in difesa dell’.

Una relazione della Environmental Protection Agency () il mese scorso ha rilevato che la fratturazione idraulica per il petrolio e il gas può portare, e ha portato, alla contaminazione dell’acqua potabile. E stata la prima volta che il governo federale ha ammesso tale collegamento.

L’Epa ha dichiarato che lo studio basato sulle fonti di dati disponibili all’agenzia, ha rilevato un numero piccolo di contaminazione rispetto al numero dei pozzi in tutto il paese.

Ma Gretchen Goldman, un capo analista presso il Centro per la Scienza e la democrazia presso l’Unione per Concerned Scientists, ha dichiarato al Guardian che lo studio dell’EPA – che è ora aperto ai commenti – era niente di “più che una revisione della letteratura” e ha sostenuto che all’industria deve essere chiesto di divulgare maggiori dati.

Goldman afferma che l’EPA ha fatto marcia indietro rispetto alla promessa iniziale di intraprendere studi prospettici, che avrebbero compiuto esaminando un sito e le sue acque prima, durante e dopo l’inizio delle attività di fracking. Tale studio avrebbe messo in luce in modo obiettivo il processo di fracking e contribuito alla conoscenza scientifica.

Le informazioni condivise dall’industria per la relazione sono state molto spesso fornite su base volontaria, rivelano gli autori, ma persino quando le aziende sono state costrette a condividere le informazioni attraverso le disposizioni statali, sono stati ancora autorizzate a non rivelare informazioni ritenute cruciali per il loro business.

Uno degli elementi più importanti del fracking è che continua ad essere avvolta nel segreto, per esempio, l’identità e la miscela di sostanze chimiche che vengono iniettate nel terreno attraverso pozzi, insieme con l’acqua, ad alta intensità, per fratturare rocce sotterranee e rilasciare olio o gas.

La composizione chimica di tali iniezioni sembra variare da un’azienda all’altra e da pozzetto a pozzetto.

Anche se l’EPA è stata in grado di compilare un elenco di 1.076 sostanze chimiche utilizzate nel processo di fracking, l’elenco è incompleto; il rapporto indica che le imprese coinvolte nel fracking sono in grado di menzionare alcuni componenti, mentre altre informazioni commerciali sono riservate, e quindi non soggette all’accesso del pubblico.

Ciò significa che il rapporto non è privo di influenza da parte dell’industria petrolifera e del gas, conferma Amy Mall, un analista politico senior con il Natural Resources Defense Council.

Nel progetto di 998 pagine, la parola “limite” è usato 76 volte, “incertezza” 43 volte e “insufficiente” – per quanto riguarda le informazioni insufficienti, dati o prove – è utilizzato sette volte.

L’EPA ha rifiutato le richieste di intervista sul rapporto del fracking.

Nonostante l’opposizione di alcuni gruppi, il fracking è in gran parte sostenuto dall’amministrazione Obama. Il presidente ha più volte descritto il fracking come un combustibile di transizione, per colmare un percorso che allontani i combustibili fossili e verso un futuro di energia pulita – una spiegazione che gli ambientalisti ritengono imprecisa e ingenua.

Nel 2005 le attività di lobbying da parte dell’industria petrolifera e del gas hanno avuto successo, con le attività di fratturazione idraulica esenti da alcune sezioni del Safe Drinking Water Act, tra cui la richiesta di autorizzazione.

La scorsa settimana un’altra agenzia federale, il Bureau of Land Management, è stata temporaneamente bloccata da un giudice distrettuale degli Stati Uniti dal mettere in atto una nuova serie di regole per il fracking su suolo pubblico federale.

Le regole, che sarebbero state in vigore il 24 giugno, avrebbero richiesto alle compagnie petrolifere e del gas di rivelare le sostanze chimiche che iniettano nel suolo ai fini del fracking, per soddisfare gli standard di costruzione quando avviene la perforazione di pozzi, e per prevenire la contaminazione delle acque.

Ma il Martedì, il giudice Scott Skavdahl ha concesso una proroga per le nuove regole fino al 22 luglio, in accordo con l’Independent Petroleum Association of America (), che ha dichiarato che la decisione del giudice, su una ingiunzione preliminare richiesta da e da altri oppositori delle nuove norme, era prevista a metà agosto, secondo quanto riferisce la Reuters.

A IPAA e occidentale Energy Alliance si sono aggiunti altri oppositori dal Colorado, Wyoming, North Dakota e Utah per cercare di fermare l’entrata in vigore delle nuove norme.

(Traduzione D.A.)