Notizie Flash

Sindaci e Delrio “nuova” stagione di dialogo con Foietta

Terminato l'incontro tra i sindaci e il ministro Delrio. Nasce un tavolo "tecnico" di dialogo ma l'opera non è messa in discussione

di Redazione.

Terminato l’incontro dei dell’ della Bassa capitanata da Sandro Plano con il ministro delle infrastrutture . Presenti il sindaco con Foietta e l’assessore regionale ai .

Ministro e sindaci hanno definito un accordo per un tavolo “tecnico” nel quale discutere i problemi connessi alla realizzazione dell’opera. Se Delrio ammette degli errori commessi in fase di gestione di tutto il progetto (come per esempio per le rotonde di Caprie dapprima uscite dal progetto per farle rientrare come compensazioni da Ettore Incalza), ribadisce che l’opera NON viene messa in discussione e recita il mantra governativo ben conosciuto in Val di Susa.

Saranno esclusi dal tavolo tecnico quei sindaci e vice sindaci oggi presenti all’interno dell’Osservatorio sul Tav che fanno parte di comuni non toccati dalla linea. Ma l’organizzazione del tavolo e dei calendari, da quanto definito oggi,  rimane in mano a Foietta che gestisce l’Osservatorio. Qualcuno paventa il rischio che questo riprenda in mano di fatto le redini del “dialogo” e i sindaci si ritrovino nella stessa condizione di Prà Catinat.

I sindaci della Unione Montana si dichiarano contrari all’opera e ritengono che i finanziamenti ai comuni debbano rientrare nell’ambito della amministrazione ordinaria e non come compensazioni. Ma esiste un problema nei comuni come quello di Susa dove la precedente amministrazione aveva già di fatto accettato le compensazioni.

In molti di domandano in queste ore a cosa serve un tavolo tecnico se l’opera non è minimamente messa in discussione. Quale sia il reale scopo e “peso” di questo tavolo lo si scoprirà presto e sono molte le voci che esprimono forti perplessità, mentre i media già titolano a una “nuova stagione di dialogo” tra governo e sindaci .