Notizie Flash

Treni in pericolo. Manifestazione a Nizza sabato 20 settembre per salvare la Cuneo-Nizza-Ventimiglia

Stanziati 29 milioni dal decreto Sblocca Italia che rischiano di essere ritirati se la Francia non mette mano ai lavori entro il 2015. È necessario “tenere alta l’attenzione” dichiara il Comitato transfrontaliero. Non abbassare la guardia.

di Massimo Bonato

Treni in pericolo è il nome che il Comitato franco-italiano per la difesa e lo sviluppo della linea Nizza-Cuneo-Ventimiglia ha dato alla manifestazione che si terrà sabato 20 settembre a Nizza, alle 14 in piazza Massena.

“La Cuneo-Nizza è in condizioni disastrose e il suo futuro continua ad essere a rischio – dichiara Alberto Collidà, attivista del Comitato. Per questo è necessario “tenere alta l’attenzione”.

Il decreto “Sblocca Italia” ha infatti messo a disposizione 29 milioni di euro per i lavori di messa in siurezza della linea. Inserimento nella lista degli interventi che aveva fatto parlare di “grande soddisfazione” l’assessore regionale ai trasporti Francesco Balocco.

Ma la tratta è transfrontaliera e deve fare i conti con le casse di due stati. L’erogazione del fondo previsto dallo Sblocca Italia è vincolato alla cantierizzazione dei lavori entro il giugno 2015, pena il ritiro dei finanziamenti; al di là della frontiera però, la società Rff (Réseau ferré de France – omologa francese della società Rfi – Rete ferrioviaria italiana) che gestisce il tratto tra Breuil e , ha fatto sapere che non ha intenzione di metter mano all’opera prima di due anni. Il timore, più che giustificato, è quindi che nonostante il finanziamento italiano previsto, il gestore francese giochi sul tempo per arrivare alla chiusura della linea, non lasciando alla controparte italiana che allargare le braccia nell’impossibilità di andare oltre a una “bella figura” di facciata.

Un colpo al cerchio, uno alla botte. E a farne le spese, deuncia il Comitato, sono ovviamente i cittadini, i pendolari, gli studenti, le valli Vermenagna e Roya che si vedono scollegate, ma anche il turismo e con questo l’economia stessa delle valli alpine. Rallentamenti e trasbordi su autobus rendono il viaggio tra tutt’altro che piacevole benché si compia sul Treno delle Meraviglie.

Sabato 20 settembre il Comitato italiano si ritrova alla stazione di Cuneo alle 10,30 per il trasferimento in auto a Nizza. Chi desidera partecipare può inviarne segnalazione via mail a comitato.ferrovie.cuneo@gmail.com, comunicando eventuali posti disponibili in auto o la necessità di un passaggio.

M.B. 19.09.14

 

160_PlayImage1