Notizie Flash

In Uruguay quasi tutta l’energia è ormai prodotta da risorse rinnovabili

Una vera rivoluzione che ha messo d’accordo tutti i maggiori partiti per una politica energetica comune fino al 2030. L’Uruguay dovrà produrre solo energia pulita.

di Massimo Bonato

Da diversi anni l’Uruguay è diventato un Paese a cui l’America Latina guarda come esempio. E non solo l’America Latina. La qualità di vita è ormai paragonabile a quella di molti Paesi sviluppati.

Nell’ultimo anno, per esempio, la spesa pro capite per le bollette della energia elettrica è calata in media del 6%. Questo perché l’Uruguay si è prefisso di raggiungere una produzione di energia completamente pulita, basata sullo sfruttamento delle risorse rinnovabili. Spende infatti il 3% del Pil nella ricerca in questo settore, investendo in impianti eolici, solari, e a biomassa. È arrivata alla produzione del 40% della sua energia grazie ai suoi impianti, che servono i 3,4 milioni di abitanti del Paese, e nei prossimi cinque anni verranno investiti 6 milioni di dollari nelle energie rinnovabili.

Una vera rivoluzione, iniziata con Tabaré Vásquez (presidente dal 2005 al 2010) e proseguita con il presidente in carica, José Mujica,  che sta portando e porterà inevitabili benefici. Dietro le quinte però, chi lavora a questi progetti è Ramón Méndez Galain, direttore nazionale per l’energia, il quale ha potuto assicurare all’ultimo vertice COP20 a Lima che “L’Uruguay non possiede né petrolio né gas, ha praticamente sfruttato tutto il suo potenziale idroelettrico, e la sua sta crescendo del 6% con l’obiettivo di ridurre la povertà”.

Ma è una rivoluzione anche , poiché la carenza di risorse energetiche fossili ha condotto i quattro maggiori partiti politici ad accordarsi per una energetica comune sino al 2030, indipendentemente da chi vinca nel frattempo le elezioni.

M.B. 11.01.15
_omissis_

No tags for this post.